Archivio mensile:maggio 2016

Le tre sorelle Vitto (6). Baccalà alla Gardesena.

baccala-gardesena-1aIl quaderno delle sorelle Vitto non finisce di meravigliare: a una certa paginetta, sempre in bella scrittura, troviamo il “Baccalà alla Gardesena”. Una ricetta elaborata ma che incuriosisce per via della definizione che non ha riscontro in nessun ricettario. Potrebbe essere alla “Gardesana”, preparazione tradizionale della zona del Garda molto più semplice di quella scritta dalle sorelle Vitto, anche se  vi si ritrovano gli ingredienti principali, ossia cipolle, acciughe, aglio. Questa “Gardesena” è molto più ricca negli ingredienti e, come già detto, più elaborata nella preparazione; ma di  sicura riuscita al palato.

Baccalà alla Gardesena

Gr. 50 di filetti di baccalà in pacco; 4 cipolle; 2 spicchi d’aglio; 4 acciughe diliscate; 2 pugnetti di prezzemolo tritato; 1 pizzico di origano; 1 pizzico si pepe; 6 cucchiaiate di parmigiano; 3 cucchiaiate d’olio; gr 20 di burro; gr 20 di margarina; 1 bicchiere di vino bianco (buono); 1 bicchiere grande di latte; 4 cucchiaiate di farina 00.

Ponete a freddo in un tegame l’olio, il burro, la margarina, le cipolle (affettate sottili), l’aglio pestato (se non lo gradite mettetelo intero, per toglierlo a metà cottura), le acciughe tritate, il prezzemolo e l’origano e fate cuocere lentamente, sempre rimestando, sintanto che le cipolle abbiano preso un bel colore di miele. Aggiungete a questo punto il latte e il vino, coprite e continuate la cottura, a fuoco medio, per circa due ore. A parte infarinate abbondantemente i pezzi di baccalà che metterete in un tegame ovale profondo, cospargendoli col parmigiano e versandovi sopra il sugo. Ponete in forno a buona temperatura per circa 45 minuti.

baccala-gardesena-2a