Le tre sorelle Vitto (4). Cestine ripiene.

Una pagina del quaderno delle sorelle Vitto, è dedicata a questa ricetta di chiara derivazione borghese dei tempi andati che andrebbe senza dubbio ripresa e sperimentata. Anche per via del semolino che, chissà perché, viene sempre meno utilizzato nelle cucine casalinghe, pur essendo un prodotto molto versatile sia per piatti salati che dolci. Immaginate poi di avere ospiti e l’effetto che fa servire a tavola queste belle cestine fritte riempite con dell’ottimo ragù….

sorelle vitto 4 cestine ripieneCestine ripiene

Mettere al fuoco ½ litro di latte e quando bolle versarvi lentamente circa un etto e mezzo di semmolino in modo da ottenere una crema abbastanza soda, far cuocere una decina di minuti. Togliere dal fuoco e quando il composto sarà un po’ raffreddato incorporarvi due uova, tre belle cucchiaiate di parmigiano, una manciata di prezzemolo finemente tritato, sale quanto basta e mezz’etto di burro. Amalgamare bene e formare con il composto delle palline di tre centimetri  di diametro che poi schiaccerete al centro in modo da farne tante cestine. Avvolgere nel pane grattugiato e friggere in olio bollente. Disporre le cestine nel piatto di portata e riempirle al momento di servire con un buon ragù di vitello o alternate con vitello e funghi.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

2 pensieri su “Le tre sorelle Vitto (4). Cestine ripiene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *