Skip to content →

È arrivato SuperCoffee!

super1024px-Roasted_coffee_beans2Nel paese dove ogni settimana ne inventano una nuova in fatto di cibo, ossia gli Stati Uniti, è la volta del Bulletproof coffee, che letteralmente sta per ‘caffè a prova di proiettile’. Si tratta di una bevanda a base di caffè con aggiunta di grassi e burro, che in questi ultimi tempi sta spopolando tra i consumatori americani. Ad idearla, un imprenditore di nome Asprey, il quale, dopo un viaggio in Tibet e dopo aver assaggiato e gustato il tè con burro di yak, ha pensato di farne una bevanda a uso “occidentale”, e quindi ha messo a punto una confezione con il necessario per preparare il caffè antiproiettile, a cominciare dalla confezione di chicchi di caffè da macinare al momento, per ottenere una buona tazza di bevanda, a cui si aggiungeranno un cucchiaio d’olio a base di grassi altamente digeribili e un cucchiaio di burro chiarificato; si miscela per bene (anche con il frullatore) e quindi si beve il bibitone di 450 calorie. Gli appassionati di questo caffè dicono che abbia un aroma estremamente piacevole e un gusto avvolgente. La confezione costa 31 euro con dentro 340 grammi di grani di caffè selezionati e 480 ml di brain octane, ossia gli oli digeribili e che assicurano la carica mentale. Ma ci sono anche altri motivi alla base del successo di questo caffè. Oltre a tenere svegli e attenti, il bulletproof dà una potente carica fisica e in più, dicono, annulla la fame, e quindi fa mangiare di meno e quindi fa dimagrire e quindi, infine e ovviamente, tutta Hollywood ne va pazza.

Sarà vero oppure no? Per il momento è di gran moda e, come ben sappiamo dall’esperienza, all’inizio l’avanzare della moda è inarrestabile e non si sentono ragioni, né argomenti contrari anche se vengono da fonti qualificate come, per questo caso, da Joan S. Blake, nutrizionista della Boston University, che avverte: “Non mi sembra la colazione dei campioni. E a fornire energia al cervello non sono i grassi ma i carboidrati. Se poi aiuta a controllare il peso, è tutto da dimostrare”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Published in disgusto gusto ricette

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *