Marzo

La luna marzolina fa nascere l’insalatina.

Silvia Bordini, senza titolo (erbacce 1), 2014

Comincia la stagione delle insalate, soprattutto quelle miste dove figurano la rucola, la favetta, il lattugaccio, i caccia lepri, la crespigna, la pimpinella….

A proposito di queste due erbe, esiste un vecchio proverbio che suggeriva, o meglio, ammoniva: “l’insalata non è buona, se non c’è la crispignola, l’insalata non è bella se non c’è la pimpinella.” L’insalata andrebbe condita, sempre secondo le vecchie tradizioni, con saggezza usando il sale, con avarizia per l’aceto e con prodigalità con del buon olio di oliva.

Se si vuole provare un condimento particolare e rustico allora si proceda come segue:

Silvia Bordini, senza titolo (erbacce 3), 2014

Tritate insieme del tonno, alici, aglio prezzemolo, mentuccia e peperoncini sott’aceto. Legate con del buon olio d’oliva e versate la salsa ottenuta sull’insalata già pulita e preparata nella scodella, condite con dell’altro olio d’oliva, sale e aceto (sempre con avarizia!). Mescolate ben bene e guarnite con delle fettine di uova sode.

 

Illustrazioni: Silvia Bordini, senza titolo (erbacce 1 e 3), 2014

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Un pensiero su “Marzo

  1. Gennaro

    Una gioia sincera e sentita dal cuore e dalla panza, trovare la saggezza l’eleganza e la sapienza di un fine conoscitore dei piaceri della gola ….e della panza

    Vedrò di seguiti con costanza, anche se, come sai non è il mio forte

    Evviva Marco

    Gennaro Visaggio

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *